Premio Giornalistico Internazionale

"Gino Votano"

2009

per il miglior documentario del Mediterraneo

Reggio Calabria, 31 gennaio 2010

2009   2009 Stampa

2013   2012   2011   2010   2008  2007 2006 2005 20042003

 Home  Presentazione Formulario  Collaborazioni   Stampa Contattaci   

Stampa

 

Tg1 Rai 1 ore 7 - 2 febbraio 2010

servizio di Antonella Gurrieri

Tgr Calabria Rai 3 ore 19 - 3 febbraio 2010

servizio di Gabriella D'Atri

News TeleReggio ore 14 - 31 gennaio 2010

servizio di Mimmo Raffa

News TeleReggio ore 19.30 - 31 gennaio 2010

servizio di Mimmo Raffa

2 febbraio 2010

 

 

 

Cronaca

 

Il regista egiziano Maged El Mahadi vince la settima edizione del premio giornalistico internazionale "Gino Votano". Riconoscimento per il migliore documentario a Flavio Isernia (Sky Tg 24) per un servizio sul dopo terremoto in Abruzzo

31/01/2010

E' il regista egiziano Maged El Mahdi, il vincitore della settima edizione del Premio giornalistico internazionale "Gino Votano", per il miglior documentario 2009.   "Per la straordinaria forza e leggerezza del suo linguaggio e la sottile saggezza con cui guarda alle questioni dell'integrazione - si legge nelle motivazioni della giuria - e per la bellezza con cui mostra i valori tradizionali di un'intera comunità all'interno del bacino del Mediterraneo", El Mahdi ha conquistato il riconoscimento.

   Il Premio per il "Miglior progetto del Mediterraneo 2009", è andato invece alla professoressa Najet Hedhley Boubaker, direttrice dell'Ecole Nationale d'Architecture et d'Urbanisme di Tunisi con "Per la memoria delle città delle oasi tunisine", un progetto - è scritto nelle motivazioni "che, nel nome della cooperazione, è riuscito a avvicina i popoli". "Per il linguaggio asciutto e diretto con cui ha descritto da testimone la tragedia del terremoto in Abruzzo, accostando in un'unica forte emozione, anime, volti e rovine", lo speciale televisivo "Un mese dal terremoto" di Flavio Isernia, vice caposervizio Sky Tg 24, ha ricevuto il premio come miglior documentario televisivo 2009. Al lungometraggio di Peter Schreiner (Austria) sono stati attribuiti due riconoscimenti:  migliore regia 2009 e miglior interprete 2009, ricevuto da Antonio Cotroneo. Infine la miglior sceneggiatura è andata a "Le Donne, i Cavalier, l'Arme, gli Amori ..", di Mimmo Raffa, mentre il premio miglior giornalino scolastico 2009 è andato a "Random", realizzato dai ragazzi del liceo scientifico Leonardo da Vinci di Reggio Calabria.    I riconoscimenti sono stati consegnati stamani nel Teatro Cilea di Reggio Calabria, dal giornalista del Tg 1, Francesco Votano, figlio di Gino, storico e saggista calabrese che il Premio intende ricordare, dall'assessore al Turismo del Comune di Reggio Calabria, Enzo Sidari, e dal viceconsole tunisino a Napoli, Maha Naouech. (ANSA).

 

35mm.it

Medef, ecco tutti i vincitori

Mercoledì 03 febbraio 2010

La settima edizione del premio giornalistico internazionale 'Gino Votano' per il miglior documentario televisivo è andata al giornalista italiano Flavio Isernia di Sky Tg24 per "Un mese dal terremoto", inserito nella sezione 'Focus : l'inchiesta giornalistica in Italia'. Isernia succede a Roberto Olla, giornalista del Tg 1, che nella precedente edizione aveva vinto con un documentario che ricordava "Il centenario del terremoto di Reggio e Messina".
Flavio Isernia, vicecaposervizio di Sky a Bologna e appassionato di gialli, ha portato al premio un'interessante serie di documentari compreso quello sul terremoto in Abruzzo. "Come giornalista so che è importante la brevità in questi casi - ha commentato il vincitore - dunque dico grazie mille a tutti, non lo meritavo, e questo premio lo dedico a tutte le persone a cui voglio bene".

A consegnare il premio è stato l'Assessore comunale al Turismo e Spettacolo Enzo Sidari, secondo il quale "c'è grande qualità in questo festival e se questa città è riuscita a crescere e oggi si può confrontare all'interno di questa manifestazione con tutto il Mediterraneo, lo deve alla cultura, è questo il vero motore del futuro, anche per i nostri giovani".

In concorso per la sezione cinema 39 film (provenienti da 15 paesi diversi) di 30 diversi artisti. Il premio per il miglior documentario cinematografico del Mediterranean Experiences Festival - che l'associazione Teatro del Mediterraneo ha organizzato all'interno dello stesso premio 'Gino Votano' - è andato al regista egiziano Maged El Mahdi che con due cortometraggi, "Ritratto di un giovane immigrato" e "Salaam Viterbo" ha parlato dei diversi aspetti dell'integrazione.
Ma non finsince qui, due importanti riconoscimenti sono andati al film "Totò", del regista austriaco Peter Schreiner, premiato sia per la migliore regia che come miglior interprete a parimerito con Antonio Cotroneo. La miglior sceneggiatura è stata quella di Mimmo Raffa, giornalista, regista e attore, che ha ringraziato, "a nome di tutta la troupe, perché essere premiati nella propria città non capita spesso, abbiamo avuto la volontà di essere protagonisti di un evento bello, come quello a cui stiamo partecipando". Ad aggiudicarsi, infine, il Premio speciale della giuria la tunisina Najet Hedhly Boubaker, preside della Ecole Nationale de l'Architecture et d'Urbanisme de Tunis, per il cortometraggio

 "Per la memoria della città delle oasi". La cerimonia di chiusura si è conclusa con un saluto collettivo di tutti i protagonisti nelle diverse lingue, marocchino, tedesco, egiziano, italiano e tunisino. Saluto finale della viceconsole della Tunisia in Italia, Maha Naouech: "voglio ringraziare la città di Reggio Calabria per la sua ospitalità, città che non è poi così lontana da noi, da qui possiamo sentire quasi l'odore del nostro paese, e per noi è stata una bellissima esperienza essere qui, a questo festival, dove ha incontrato tanta gente dal mondo del cinema, della letteratura, è stata una cosa meravigliosa". 

calabriaora

R E G G I O 25

MARTEDÌ 2 febbraio 2010 Calabria Ora

I segreti di Isernia
Giornalista di Sky
con un’anima
Le rivelazioni del reporter ospite del Mefed


talento
emiliano
Lunga gavetta su
testate locali
e radio
Poi l’approdo ai
grandi quotidiani
nazionali

Onestà e obiettività le doti di Flavio Isernia, che non oscurano affatto sensibilità e profonda carica umana. Giornalista di Sky Tg 24, in cui è vicecaposervizi, inviato e corrispondente da Bologna, Isernia è sbarcato nella città dello Stretto in occasione del Mediterranean experiences festival, la 3 giorni inserita all’interno del VII premio giornalistico internazionale “Gino Votano”, promossa dall’associazione culturale teatro del Mediterraneo per avvicinare gli studenti ai linguaggi di giornalismo e cinematografia e allargare gli orizzonti sulle realtà del mare nostrum. Lunga gavetta, effettuata su testate locali, come la Gazzetta di Modena e in radio, fino ad approdare a grandi quotidiani nostrani come il Corriere della sera e Il sole 24 ore. «Il giornalista deve prendere la giusta distanza dai fatti che segue, ma questo non significa essere insensibili. Ha anche lui una sua moralità- spiega Isernia-Quando torno a casa, rifletto, accuso il colpo e vivo il dramma delle persone che ho incontrato». Il riferimento è al terremoto che ha ridotto in macerie l’Aquila il 6 aprile scorso, cui il giornalista ha dedicato lo speciale Tv “Un mese dal terremoto”. Dramma osservato da vicino nella permanenza, durata da aprile a giugno. «Sono entrato nella zona rossa e con la troupe abbiamo ripreso il cuore de L’Aquila che, per molti versi, è rimasto ancora fermo alle 3 e 32 di quella notte- racconta- Si è provveduto all’emergenza alloggi, l’ultima tendopoli è stata chiusa a fine dicembre, ma la gente attende ancora la ricostruzione, l’emergenza è forte e viva». Curiositas da appagare la sua, che lo motiva sin dagli esordi. «Questa professione è molto dura perché rimani in uno stato di precariato e ti devi barcamenare per arrivare a fine mese, con tante collaborazioni. Però, tutti possiamo farcela e raggiungere i nostri sogni - il messaggio positivo - Senza volontà e passione, non si arriva da nessuna parte. Bisogna darsi da fare e entrare anche dall’ultima porta. Molte volte non bussiamo e per questo non si aprono». Determinazione e forza di volontà che l’hanno condotto alla sperimentazione del mezzo televisivo, dove «devi arrivare all’osso, dire tutto in poche parole semplici e comuni, come se lo raccontassi ai tuoi amici al bar».I “pro”, cioè come dare la notizia in qualunque istante, in diretta, si affiancano a “contro”, ad esempio la pressione costante cui si è sottoposti. «Il mio mezzo preferito rimane la radio perché è più caldo e la gente ascolta il tuo servizio confessa Isernia- in tv mi trovo bene, ma è soprattutto l’immagine che conta». Mondo quello della comunicazione, colmo di attrattive e in perenne evoluzione. «Prima il giornale dava la notizia, ora invece, la lanciano internet, i telefonini, le agenzie. E’ cambiata la finalità - afferma- Il quotidiano ti da l’opportunità di approfondire i temi e dovrebbe avere una base più d’inchiesta».

Tatiana Galtieri

reggio@calabriaora.it

Gazzetta del Sud

 

 

Denaro.it, Il

03-02-2010

Mediterraneo

tunisia

Ambiente: progetti con il Belpaese

Asse tra l'Università Mediterranea di Reggio Calabria e l'Enau di Tunisi

Italia e Tunisia unite da un ponte virtuale: quello edificato con la collaborazione tra la Facoltà di Architettura dell'Universita' Mediterranea di Reggio Calabria e l'Ecole Nationale d'Architecture et d'Urbanisme (Enau) di Tunisi che, con il sostegno della Cooperazione italiana, sono riuscite a creare un Centro di formazione e ricerca per la salvaguardia, la conservazione e la valorizzazione della città-oasi di Nefta, nel sud-ovest della Tunisia. Grazie allo stanziamento di oltre 2 milioni di euro da parte del governo italiano, dal 2005 a dicembre 2009 (data in cui si e' concluso il programma del ministero degli Esteri) è stato possibile realizzare un Centro da cui oggi escono architetti, tecnici e artigiani specializzati. "Si tratta del primo progetto di questo genere in Tunisia - spiega la direttrice dell'Enau, Najet Hedhley Boubaker -. Grazie all'apporto decisivo dell'Università di Reggio Calabria - spiega la prof. Boubaker - siamo riusciti a avviare un corso post-laurea e due corsi di formazione per tecnici specializzati e artigiani''. ''Un progetto altamente innovativo, in cui l'ateneo calabrese ha investito molte energie, con un grande coinvolgimento da parte dei docenti'', racconta dal canto suo la preside della Facoltà di Architettura di Reggio Calabria, Francesca Fatta.
La Boubaker a Reggio Calabria è stata premiata per il documentario sul Miglior progetto del Mediterraneo 2009, dalla giuria del Mediterranean Experiences Festival (Medef), la tre giorni appena conclusa, dedicata al cinema, alla musica, al cibo e allarte del Mare Nostrum. Situato a Algma, nel cuore della medina di Nefta, la sede del Centro occupa oggi un edificio del tutto restaurato, un tempo dimora del Kaid (il governatore di Nefta). ''I nostri colleghi tunisini - aggiunge - ci hanno consentito di fare conoscere le nostre capacita e il nostro know-how anche nella sponda Sud del Mediterraneo''. Nelle ambizioni dei suoi fondatori, il Centro di formazione di Nefta dovrebbe diventare un vero e proprio polo di ricerca. L'Università "7 Novembre" di Cartagine (da cui dipende l'Enau) e l'ateneo reggino intendono infatti proseguire nella loro collaborazione: oltre al corso post-laurea già esistente - anticipa la prof. Boubaker - vorremmo istituire un Master dedicato al turismo ecologico, allo sviluppo sostenibile e alle tecniche di costruzione secondo criteri di efficienza energetica. Per ora soltanto una ipotesi, perchè, ''il corso post-laurea potrebbe vedere la luce unicamente grazie al prezioso contributo della Cooperazione italiana o all'Unesco'', sospira la direttrice, che per l'oasi di Nefta sogna un turismo piu' consapevole e attento alla realtà locale. ''Nefta - lamenta la Boubaker - è una meta in cui i visitatori si fermano una notte, in attesa di partire per i tour nel deserto in 4 X 4, senza acquistare nulla''. Un turismo, dunque, che rischia di affossare del tutto l'artigianato locale. ''Non soltanto l'artigianato, ma anche la cucina locale, ricca di odori e cibi tradizionali'', sottolinea la direttrice, paventando per la città fortificata, un tempo crocevia per le carovane dirette nel cuore del Sahara, un destino simile a quello della vicina e più famosa città-oasi di Tozeur, ''massacrata da un turismo di massa e poco consapevole del rispetto dell'ambiente e delle tradizioni locali''. E' necessario - conclude - difendere realtà come quella di Nefta che, grazie a progetti come quello realizzato dagli atenei di Reggio Calabria e Tunisi, ci hanno consentito di riconciliarci con la nostra identità''.

Cristina Missori

calabriaora

D A L  P O L L I N O A L L O S T R E T T O
MARTEDÌ 2 febbraio 2010 Calabria Ora

Un ponte Calabria-Tunisia
Università di Reggio: un centro per il recupero dell’oasi di Nefta

COSENZA Italia e Tunisia unite da un ponte virtuale: quello edificato con la collaborazione tra la facoltà di architettura dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria e l’Ecole nationale d’Architecture et d’Urbanisme (Enau) di Tunisi che, con il sostegno della cooperazione italiana, sono riuscite a creare un Centro di formazione e ricerca per la salvaguardia, la conservazione e la valorizzazione della città-oasi di Nefta, nel sudovest dellaTunisia. Grazie allo stanziamento di oltre 2 milioni di euro da parte del governo italiano, dal 2005 a dicembre 2009 (data in cui si è concluso il programma del ministero degli Esteri) è stato possibile realizzare un Centro da cui oggi escono architetti, tecnici e artigiani specializzati. «Si tratta del primo progetto di questo genere in Tunisia», ha affermato la direttrice dell’Enau, Najet Hedhley Boubaker, che a Reggio Calabria, è stata premiata per il documentario sul “Miglior progetto del Mediterraneo 2009”, dalla giuria del Mediterranean Experiences Festival (Medef), la tre giorni appena conclusa, dedicata al cinema, alla musica, al cibo e all'arte del Mare Nostrum.
Situato a Algma, nel cuore della medina di Nefta, la sede del Centro occupa oggi un edificio del tutto restaurato, un tempo dimora del Kaid (il governatore di Nefta). «Grazie all’apporto decisivo dell’Università di Reggio Calabria - spiega la prof.Boubaker - siamo riusciti a avviare un corso post-laurea e due corsi di formazione per tecnici specializzati e artigiani».
«Un progetto altamente innovativo, in cui l’ateneo calabrese ha investito molte energie, con un grande coinvolgimento da parte dei docenti», racconta dal canto suo la preside della facoltà di Architettura di Reggio Calabria, Francesca Fatta. «I nostri colleghi tunisini - ha aggiunto - ci hanno consentito di fare conoscere le nostre capacità e il nostro know-how anche nella sponda Sud del Mediterraneo».
Nelle ambizioni dei suoi fondatori, il Centro di formazione di Nefta dovrebbe diventare un vero e proprio polo di ricerca.
L’Università di Cartagine (da cui dipende l’Enau) e l’ateneo reggino intendono infatti proseguire nella loro collaborazione: oltre al corso post-laurea già esistente -anticipa la prof. Boubaker - vorremmo istituire un master dedicato al turismo ecologico, allo sviluppo sostenibile e alle tecniche di costruzione secondo criteri di efficienza energetica.
Per ora soltanto una ipotesi, perché, «il corso post-laurea potrebbe vedere la luce unicamente grazie al prezioso contributo della cooperazione italiana o all’Unesco», sospira la direttrice, che per l’oasi di Nefta sogna un turismo più consapevole e attento alla realtà locale. «Nefta - lamenta la Boubaker - è una meta in cui i visitatori si fermano una notte, in attesa di partire per i tour nel deserto in 4 X 4, senza acquistare nulla».

Premio 'Gino Votano' per il miglior documentario 2009, vince il regista egiziano Maged El Mahdi

 

domenica 31 gennaio 2010

www.ansa.it

E' il regista egiziano Maged El Mahdi, il vincitore della settima edizione del Premio giornalistico internazionale ''Gino Votano'', per il miglior documentario 2009. ''Per la straordinaria forza e leggerezza del suo linguaggio e la sottile saggezza con cui guarda alle questioni dell'integrazione - si legge nelle motivazioni della giuria - e per la bellezza con cui mostra i valori tradizionali di un'intera comunita' all'interno del bacino del Mediterraneo'', El Mahdi ha conquistato il riconoscimento. Il Premio per il ''Miglior progetto del Mediterraneo 2009'', e' andato invece alla professoressa Najet Hedhley Boubaker, direttrice dell'Ecole Nationale d'Architecture et d'Urbanisme di Tunisi con ''Per la memoria delle citta' delle oasi tunisine'', un progetto - e' scritto nelle motivazioni ''che, nel nome della cooperazione, e' riuscito a avvicina i popoli''. ''Per il linguaggio asciutto e diretto con cui ha descritto da testimone la tragedia del terremoto in Abruzzo, accostando in un'unica forte emozione, anime, volti e rovine'', lo speciale televisivo ''Un mese dal terremoto'' di Flavio Isernia, vice caposervizio Sky Tg 24, ha ricevuto il premio come miglior documentario televisivo 2009. Al lungometraggio di Peter Schreiner (Austria) sono stati attribuiti due riconoscimenti: migliore regia 2009 e miglior interprete 2009, ricevuto da Antonio Cotroneo. Infine la miglior sceneggiatura e' andata a ''Le Donne, i Cavalier, l'Arme, gli Amori ..'', di Mimmo Raffa, mentre il premio miglior giornalino scolastico 2009 e' andato a ''Random'', realizzato dai ragazzi del liceo scientifico Leonardo da Vinci di Reggio Calabria. I riconoscimenti sono stati consegnati stamani nel Teatro Cilea di Reggio Calabria, dal giornalista del Tg 1, Francesco Votano, figlio di Gino, storico e saggista calabrese che il Premio intende ricordare, dall'assessore al Turismo del Comune di Reggio Calabria, Enzo Sidari, e dal viceconsole tunisino a Napoli, Maha Naouech.

 

calabriaora

MACONDO

LUNEDÌ 1 febbraio 2010 PAGINA 23

Medef, la bellezza del Sud
Ieri la cerimonia dei premi. Sette le categorie vincenti

A Reggio festival
originale che ha
posto al centro
la multiculturalità

REGGIO C. Commistione di parole, immagini e ricordi per scoprire la bellezza che ognuno ha dentro di sé. Questo lo spirito di Mediterranean experiences festival, la tre giorni inserita all’interno del VII premio giornalistico internazionale “Gino Votano”, promosso dall’associazione culturale teatro del Mediterraneo, che ha chiuso i battenti nel foyer del teatro “Francesco Cilea”.
«Momento di conoscenza umana - sottolinea Francesco Votano, giornalista Rai del Tg 1 e presidente dall’associazione teatro del Mediterraneo - ci scusiamo con chi si aspettava un festival ufficiale. Noi volevamo far conoscere e parlare la gente».
Corti-inchieste avvicinano gli studenti al mondo del giornalismo nostrano. E’ la testimonianza di “Antonio Ferroviere”, sugli incidenti sul lavoro e la difficoltà alla gestione dell’handicap, diretto da Alessandro Quadretti e presentato al Milano film festival, a dare il via alla rassegna. Si entra nel vivo dell’inchiesta con “Parmalat: il clan del latte versato”, a cura di Flavio Isernia di Sky Tg 24, summa delle voci dei cittadini coinvolti nel crack.
Pillole intervista sul bagaglio accumulato, dopo un anno da girovaga per i festival di tutta Europa, quelle di Experiences, montato da Danila Bellino per la kermesse in riva allo Stretto. Esperienza positiva quella del Medef per i ragazzi degli istituti superiori reggini che, dopo uno stage di 10 giorni, sono stati coprotagonisti della fase organizzativa, entrando a contatto con le realtà del bacino del Mediterraneo. «Il bilancio del festival è il proposito di far incontrare intellettuali, registi, persone delle istituzioni che provengono da paesi diversi con la città di Reggio Calabria - spiega Danila Bellino, direttrice artistica del Medef - un’idea vincente se si produce nell’esperienza di 3 giorni e si evolve attraverso diversi stadi, come laboratori e tavole rotonde».
Sette le categorie dei premiati.
Miglior documentario 2009 con “Ritratto di un giovane immigrato”
e “Salam Viterbo”, l’egiziano Maged El-Mahdi per «la saggezza con cui guarda all’’integrazione e ai valori della comunità mediterranea». Per la memoria delle città delle oasi di Najet Hedhley Boubaker, preside dell’Ecole Nationale d’Architecture et d’Urbanisme de Tunis, è miglior progetto del Mediterraneo. Flavio Isernia, caposervizi di Sky Tg 24, si aggiudica il premio miglior documentario televisivo con “Un mese dal terremoto”, fotografia del dramma vissuto da L’Aquila, in cui ancora «la gente si alza la mattina e non sa come dare un senso alla vita di tutti i giorni». Doppia premiazione per “Totò”, la pellicola di Peter Schreiner, migliore regista 2009 per aver «trasformato un documentario nell’illustrazione di un moderno nomadismo» e Antonio Cotroneo, miglior interprete nei panni di un emigrante sospeso tra più identità. Mimmo Raffa con “Le donne, i cavalier, l’arme, gli amori” si classifica come miglior sceneggiatore.
A rifulgere per la semplicità ed efficacia del linguaggio, come miglior giornalino scolastico, “Random” del liceo scientifico “Leonardo Da Vinci”.
 

Tatiana Galtieri

Il Quotidiano della Calabria

1 febbraio 2010

 

 

Touring104.it

REGGIO CALABRIA, 31 gen 2010 19:14
CHIUDE REGGIO EXPERIENCES, PROTAGONISTI I GIOVANI
Con la cerimonia di premiazione della VII Edizione del Premio internazionale Gino Votano 2009, si è chiusa stamani al Teatro Cilea di Reggio Calabria la prima edizione del Mediterranean Experiences Festival (Medef). "La tre giorni" dedicata al cinema, alla musica, al cibo e all'arte del Mare Nostrum, ha chiuso i battenti con la proiezione di alcuni speciali realizzati da giornalisti quali Flavio Isernia di Sky Tg 24 e Danila Bellino, direttrice artistica del Festival, o Alessandro Quadretti, che hanno affrontato alcune delle tematiche più scottanti dell'attualità italiana degli ultimi anni: dalla sicurezza sui luoghi di lavoro, al terremoto dell'Aquila, ai temi dell'immigrazione nel Mediterraneo. Una manifestazione che, affrontando il tema dell'immigrazione e dell'integrazione, nell'ottica dei suoi ideatori, ha voluto trasmettere agli studenti del liceo artistico Mattia Preti - che nelle prime due giornate ha ospitato l'evento - un messaggio forte. E' attraverso lo scambio e la conoscenza reciproca infatti che è possibile ridurre il divario esistente tra le due sponde del Mediterraneo. Ed è grazie all'informazione e allo scambio di esperienze diverse e testimonianze che fatti gravi di intolleranza e violenza contro gli stranieri che vivono in Italia possono essere evitati. E così gli studenti dei licei di Reggio Calabria, coinvolti nel progetto Medef, hanno avuto l'opportunità di seguire le proiezioni, i dibattiti, i seminari e i laboratori che hanno caratterizzato la "tre giorni". Una iniziativa che ha ricevuto il plauso dello stesso presidente della Camera dei Deputati, Gianfranco Fini, come ha voluto sottolineare nella giornata di ieri la responsabile dell'area emigrazione della Fondazione Fare Futuro, Valentina Cardinali. Un segno importante, per un Festival che muove i suoi primi passi, ma che volutamente ha scelto una strada lontana dal clamore, con l'intento di unire, in semplicità, i suoi protagonisti: studenti, cittadini, artisti e intellettuali. (ANSAmed).

L’altrapagina.it

14 February 2010

ODORI DEL MEDITERRANEO A REGGIO CALABRIA

Vince l’Egitto al MEDEF – mediterranean experiences festival, con Maged El Mahdi, regista in concorso con due cortometraggi, Ritratto di un giovane immigrato e Salaam Viterbo. Nello stesso giorno della vittoria alla Coppa d’Africa, il giovane egiziano si è detto commosso e orgoglioso per aver vinto nella categoria “miglior documentario”. Alla domanda della scrittrice italo-marocchina, Roberta Yasmine Cotroneo che lo ha premiato, “a quando il prossimo film?”, la risposta del regista, molto ironico e pratico, è stata semplice e diretta, “be’, quando mi daranno i soldi”. Oltre a realizzare film, Maged el Mahdi è anche uno scrittore e il suo ultimo libro, che parla dei processi di integrazione degli immigrati nella città di Roma, è in corso di traduzione in Italia. Nella categoria “miglior documentario televisivo”, ha vinto invece Flavio Isernia, giornalista di Skytg24, che ha dichiarato, “come giornalista so che in questi casi è importante la brevità, dunque dico grazie mille a tutti, non me lo meritavo, ma questo premio lo dedico a tutte le persone a cui voglio bene”. A premiarlo l’assessore comunale al Turismo e Spettacolo Enzo Sidari, che ha al posto dei soliti complimenti di rito, ha delineato così la figura modello dell’assessore per una buona pratica di governo, “credo di potermi prendere un piccolo merito, quello di essere un assessore operaio, nel senso che qualunque cosa io faccia, di qualunque manifestazione mi occupi, cerco di fare e seguire un po’ tutto, dalla prima parola della delibera fino all’ultima cosa che va fatta, anche la più piccola; ecco, per esempio, stamattina mi cercavano perché non era ancora aperto il teatro, in effetti penso che un assessore debba lavorare per l’evento che sta seguendo in maniera costante e continua, fino alla fine”. Sul MEDEF, poi, Sidari ha dichiarato che, “c’è grande qualità in questo festival e se questa città è riuscita a crescere e oggi si può confrontare all’interno di questa manifestazione con tutto il Mediterraneo, lo deve alla cultura, che è il vero motore del futuro, anche per i nostri giovani”. Alla tunisina Najet Hedhly Boubaker, preside della Ecole Nationale de l’Architecture et d’Urbanisme de Tunis, è andato il premio della categoria “miglior progetto del Mediterraneo”, per il cortometraggio “Per la memoria della città delle oasi”. L’opera documenta il progetto, partito nel 2004, che ha visto lavorare insieme professori dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, e professori della Università di Tunisi; la città oasi di Nefta, grazie a questa iniziativa di cooperazione, accoglie adesso un centro di formazione dove gli studenti tunisini approfondiscono i problemi del restauro e della conservazione del patrimonio architettonico delle città oasi, e dei laboratori in cui operai e artigiani tunisini si specializzano in lavori e interventi di restauro. Due premi ha raccolto, poi, il film Totò, del regista austriaco Peter Schreiner, primo nella categoria “migliore regia” e “miglior interprete”. A ritirarlo la giornalista e filmaker tedesca Claudia Muetzefeldt, che ha partecipato al MEDEF con un cortometraggio sul soggiorno berlinese di Emilio Vedova. “In Totò ho visto un film molto artistico, personale, intimo”, ha detto la Muetzefeldt, “che veramente trasporta una biografia che viene vissuta in ogni momento, la biografia dell’emigrato, vissuta con il corpo, con tutti i pensieri, è un grande piacere ricevere questo premio in nome suo”. Il premio per la “miglior sceneggiatura” è andato poi al calabrese Mimmo Raffa, giornalista, regista e attore, che ha dichiarato, “ringrazio a nome di tutta la troupe, perché essere premiati nella propria città non capita spesso, abbiamo avuto la volontà di essere protagonisti di un evento bello, come quello a cui stiamo partecipando”. Il premio per “il miglior giornalino scolastico”, è andato a ‘Random’, realizzato dai ragazzi del Liceo scientifico “L. da Vinci” di Reggio Calabria. A chiudere la cerimonia la viceconsole della Tunisia in Italia, signora Maha Naouech, che ha ribadito la sua volontà di “ringraziare la città di Reggio Calabria per la sua ospitalità, città che non è poi così lontana da noi, perché da qui possiamo sentire quasi l’odore del nostro paese, e infatti per noi è stata una bellissima esperienza essere qui a questo festival, dove ho incontrato tanta gente dal mondo del cinema, della letteratura”. Dopo la visione di 39 film, provenienti da 15 paesi diversi, due tavole rotonde, che hanno visto partecipare intellettuali, registi, uomini delle istituzioni italiane e straniere, quattro laboratori in cui gli ospiti stranieri si sono confrontati con gli studenti del liceo artistico “Mattia Preti” e del liceo linguistico “Nuova Europa”, il MEDEF si è chiuso con un saluto collettivo nelle diverse lingue, marocchino, tedesco, egiziano, italiano e tunisino. A dare l’ultima nota del festival, il sax di Javier Camarda, e le sue ‘Gipsy melodies’.
Maria Chiara Onori

Touring104.it

REGGIO CALABRIA, 31 gen 2010 08:28
A REGGIO EXPERIENCES, CALABRIA GUARDA SPONDA SUD
"La Calabria deve guardare alla riva Sud del Mediterraneo, alla sue culture, alle lingue, ai suoi diversi punti di vista diversi e alle sue diverse religioni. E' vero, l'integrazione è difficile, ma grazie al dialogo possiamo superare queste differenze". Con queste parole l'assessore al Turismo del Comune di Reggio Calabria, Enzo Sidari, ha aperto la seconda giornata del Mediterranean Experiences Festival (Medef), che nella mattinata di oggi ha voluto dedicare un momento di riflessione al tema "I flussi dei popoli nel Mediterraneo, integrazione e adattamento". Intervenendo davanti agli studenti del Liceo artistico "Mattia Preti", Sidari ha ricordato l'importanza della cultura dell'accoglienza e della convivenza. "Perché la Calabria - ha proseguito Sidari - non è soltanto la violenza di Rosarno, ma anche l'esempio di perfetta integrazione rappresentato da Riace, e dall'importante lavoro svolto dall'Associazione "Futura", che è riuscita a raggiungere il pieno inserimento degli immigrati presenti sul territorio di Riacé". Rosarno e Riace, ha poi ricordato l'assessore, sono due realtà dove la percentuale tra stranieri e cittadinanza è la stessa: un immigrato ogni sette italiani, ma dove la situazione é totalmente diversa". Sui giovani che rappresentano il futuro del Paese, dunque, la prima edizione del Medef ha deciso di puntare. Sono infatti loro i veri protagonisti della manifestazione - che chiuderà domani i battenti - ed è a loro che ospiti stranieri quali l'addetto culturale dell'ambasciata d'Egitto in Italia, Taha Mattar e il console aggiunto di Tunisia a Napoli, Maha Naouech, hanno portato la loro testimonianza e hanno sottolineando l'importanza degli scambi culturali tra i Paesi della sponda Sud e l'Italia. "Un mare totalmente aperto - ha detto agli studenti Naouech - e per nulla chiuso. Dove la riva meridionale guarda al Nord con molto amore". La chiave per una reciproca conoscenza e dello scambio tra culture, passa anche attraverso l'apprendimento della lingua. E proprio Reggio Calabria, con la sua Università per stranieri "Dante Alighieri", svolge un ruolo prezioso, spesso sottovalutato. "Dove studenti serbi imparano l'albanese", ha ricordato nel suo intervento Paolo Minuto, docente dell'ateneo, e dove giovani provenienti dai diversi Paesi possono imparare non soltanto l'Italiano ma anche le lingue del Mediterraneo". (ANSAmed).

calabriaora

MACONDO

DOMENICA 31 gennaio 2010 PAGINA 23

 

IlDomani

31 gennaio 2010

 

Il Quotidiano della Calabria

31 gennaio 2010

 

 

Ansamed.it

2010-01-29 16:56

MED A REGGIO EXPERIENCES FESTIVAL, STUDENTI PROTAGONISTI***

2010-01-28 11:05

CINEMA REGGIO CALABRIA, AL VIA MED EXPERIENCES FESTIVAL

2010-01-19 13:26

MEDITERRANEOA REGGIO EXPERIENCES FESTIVAL, CINEMA E MUSICA

 

Ansamed.it

CINEMA: AL VIA A REGGIO CALABRIA MED EXPERIENCES FESTIVAL

(ANSAmed) - ROMA - Egitto e Tunisia saranno protagonisti della rassegna cinematografica proposta dal Mediterranean Experiences Festival (Medef) di Reggio Calabria che da domani e fino a domenica prossima, proporra' ai visitatori non soltanto film, ma anche concerti, una mostra d'arte e tre tavole rotonde. Fra i 27 lungometraggi e corti in concorso (per le sezioni Mediterraneo, Europa, Italia e Regioni), e gli 8 fuori concorsi, spiccano i lavori dell'egiziano Ahmed Youssef, ''An artist from the East'', documentario sulle arti visive contemporanee egiziane e i film del regista Maged El-Mahdi, un autore che presenta in modo limpido i problemi dell'integrazione. Da Tunisi, arriva invece il produttore e regista, Mohamed Challouf che con ''Italiani dell'altra riva'', analizza la vita degli italiani - anche illustri come Claudia Cardinale - nati in Tunisia. Sempre alla vita degli italiani nel Paese maghrebino e' dedicato ''Ritratto di Maurizio Valenzi'', un documentario di Gina Annunziata e Mohamed Challouf, sulla vita di Maurizio Valenzi, pittore della scuola di Tunisi, trasferitosi poi a Napoli dove e' diventato uno dei sindaci piu' amati dalla citta'. Al recupero dei tesori architettonici della Tunisia, poi, e' rivolto il documentario realizzato dalla direttrice dell'Ecole d'Architecture et d'Urbanisme di Tunisi, Najat El Hedhley Boubaker, ''Per la memoria della citta' delle oasi''. Storie di emigrazione sono poi anche quelle raccontate dall'austriaco Peter Schreiner (nella foto) in ''Toto''' - gia' presente a Venezia - che narra la storia di un immigrato calabrese che, dopo anni di lavoro in Austria, ritorna a Tropea, suo paese natale, o da Andrea Segre, in ''A sud di Lampedusa''. A Reggio Calabria non mancheranno inoltre pellicole divertenti come ''After Shave'' del libanese Hany Tamba, gia' premio Cesar in Francia; ''Bezi Zeko Bezi'' del serbo Pavle Vuckovic, vincitore a Cannes della sezione cortometraggi; ''Door to Door'' dell'israeliano Shunit Aharoni, quest'anno selezionato con il film ''Kirot'' al Toronto International Film Festival. E ancora, il cinema spagnolo sara' presente con ''La Ruta Natural'' di Alex Pastor, gia' vincitore del Sundance Festival, mentre per la Francia, ci sara' David Dusa, con ''Amin'', miglior cortometraggio europeo della European Film Academy. Infine, tra le tante proposte del Festival diretto dalla regista e attrice Danila Bellino, tra i documentari che renderanno omaggio alla Calabria, ci saranno anche ''Il mio viaggio'' e ''Mito, leggende e tesori dello Stretto'', realizzati dal regista e attore Mimmo Raffa.(ANSAmed).

 

35mm.it

Medef, ai nastri di partenza

Mercoledì 27 gennaio 2010

La storia, la cultura e la memoria dei popoli 'mediterranei', tutto in un festival. Dal 29 al 31 gennaio Reggio Calabria ospita il Mediterranean Experience Festival, la kermesse organizzata dall’Associazione Culturale Teatro del Mediterraneo, legata alla settima edizione del premio giornalistico 'Gino Votano', che negli anni ha premiato giornalisti di livello nazionale, quali Tonino Pinto, critico cinematografico di Rai Uno, Elisa Ansaldo, giornalista del TG1, Alessandro Gaeta, giornalista del TG1.

 Il MEDEF apre così una finestra sulla storia, la cultura, le questioni sociali e ambientali dei popoli che si affacciano sul Mediterraneo. "Crediamo infatti che dalla diretta conoscenza delle esperienze, raccontate dai protagonisti, possa nascere - fanno sapere dal Festival - una migliore comprensione tra gente che ha in comune non solo un’area geografica, ma anche un modo di vivere, delle tradizioni, una passionalità, che va oltre i singoli avvenimenti storici".
Una due giorni non stop di tavole rotonde e proiezioni che si concluderà il 31 gennaio con l'assegnazione del Premio Gino Votano.

Ecco in breve il programma:

- La prima giornata, “La circolazione della cultura e dell’informazione tra le rive del Mediterraneo”, si compone di una tavola rotonda seguita da proiezioni di cortometraggi e documentari.

- Alla seconda giornata, con la tavola rotonda sul tema, “L’emigrazione fra le sponde del Mediterraneo”, parteciperanno esponenti del mondo del terzo settore, del sociale e figure come don De Masi.

Tra gli altri interverranno anche il Prof. Taha Mattar, addetto culturale dell’Ambasciata egiziana in Italia, la Preside dell’Ecole Nazionale d’Architecture et d’Urbanisme de Tunis, professoressa Najet Elhedhly Boubaker, che parlerà del progetto che coinvolge anche l’Università Mediterranea di Reggio Calabria, per il recupero delle città delle oasi; la scrittrice italomarocchina Roberta Yasmine Catalano, esperta della storia dei rapporti fra Italia e Marocco; l'attore-scrittore Antonio Cotroneo, protagonista del film dell’austriaco Peter Schreiner, "Totò", storia di un italiano del Sud emigrato a Vienna che, dopo molti anni, ritorna al suo paese d’origine in Calabria.
Per maggiori informazioni visita il sito www.medef.it.

 

 

Festival delle etnie a Reggio da domani

 

R

eggio Calabria - E quest’anno, mezzo mondo si riverserà su Reggio; infatti, l’associazione culturale Teatro del Mediterraneo, col contributo del Comune di Reggio, ha organizzato, per i giorni 29, 30, 31 gennaio, il Mediterranean Experiences Festival, una selezione di vari corti e lungometraggi scelti girando per tutta Europa, da Lisbona a Vienna, una raccolta di valori dei popoli mediterranei preparata attraverso esperienze tattili, gustative, visive e sonore per mettere assieme nuove strutture formali e visioni storiche e sociali. In continuità con la VII Edizione del Premio Giornalistico Internazionale “Gino Votano”, il Festival proporrà 27 film in concorso e 8 fuori concorso, una mostra d’arte, 6 concerti di musica gitana, un progetto di recupero architettonico, tre convegni, 5 prove di gusto e 6 laboratori diretti a chiunque ne sia interessato. Quanto basta per una vera e propria overdose di melting pot europeo, in pratica, 25 artisti in rappresentanza di 15 paesi.

Alla conferenza stampa di stamattina a Palazzo San Giorgio, si è voluto sottolineare l’importanza di un festival che, raccogliendo in sostanza tutte le etnie mondiale, non può non cercare di creare a Reggio una cultura anti – mafiosa contro il comune sentire del fenomeno della ndrangheta; tutti i partecipanti, inoltre, sono stati selezionati anche in alcuni festival importanti, tra cui Cannes.

 

Filippo Mammì

Giovedì 28 gennaio 2010  ore 11:44

Questa notizia è stata visualizzata 595 volte

 

Ilcomuneinforma.it 

Mediterranean Experiences Festival a Reggio Calabria

Il Mediterranean Experiences Festival, edizione 2010, si terrà a Reggio Calabria, per tre giorni, dal 29 al 31 gennaio 2010.

Questo festival vuole essere un percorso Percettivo che si snoda non solo nello Spazio, ma anche nel Tempo di Fruizione.

Le esperienze sono così singole e collettive insieme. Un Percorso che scopre colori, suoni, persone, culture, sapori, idee e popoli.

Il Mediterranean Experiences Festival nasce da lunghi tour in giro per i festival d’Europa : da Lisbona a Cork, da Gand a Berlino, da Parigi a Vienna, a Barcellona e coniuga i valori mediterranei alla luce di nuove ricerche sensoriali, esperienze tattili, gustative, visive, sonore da condividere per indagare e approfondire nuove strutture formali e nuove visioni estetiche e storiche.

Il Festival è la normale contiguità del premio “Gino Votano“, giunto alla settima edizione, propone una rassegna con 27 film in concorso e 8 fuori concorso, una mostra d’arte, 6 concerti di musica gitana, un progetto di recupero architettonico, tre convegni, cinque prove di gusto, 6 laboratori diretti a studenti, autori, tecnici e appassionati, ma anche a normali cittadini.

La Fruizione presenta momenti di alternanza dei ruoli che permette agli stessi Protagonisti del Festival (attori, giornalisti, registi, scrittori, musicisti, artisti e convegnisti) di effettuare un proprio percorso nelle vesti di pubblico e al tempo stesso il Pubblico diventa Attore con la propria umoralità, curiosità, percezione e interazione con gli Eventi che si succedono come fasi domestiche.

In tutto 25 artisti in rappresentanza di 15 paesi.

Tra i film e gli autori selezionati ci sono tra l’altro autori e film vincitori a : Cannes, Sundance Film Festival, Cesar, Toronto International Film, European Film Academy, Biennale del Cinema di Venezia, Milano Film Festival, candidati all’Oscar o presenti nelle selezioni ufficiali dei più prestigiosi festival internazionali : la Viennale, il Festival di Locarno, la Berlinale.

 

ilmediterraneo.it

Event: 'Mediterranean Experience Festival'

 

Italia

Date: Friday, January 29, 2010 At 00:00

Duration: 3 Days

(ANSA) - REGGIO CALABRIA- Il MEDEF, Mediterranean Experience Festival, e' in programma a Reggio Calabria dal 29 al 31 gennaio prossimi. ''Il festival, organizzato dall'Associazione culturale Teatro del Mediterraneo - e' detto in un comunicato - e' legato alla settima edizione del premio giornalistico Gino Votano, che negli anni ha premiato giornalisti di livello nazionale come Tonino Pinto, critico cinematografico di Rai Uno, ed i giornalisti del TG1 Elisa Ansaldo ed Alessandro Gaeta''. ''Il MEDEF - prosegue la nota - si propone di aprire una finestra sulla storia, la cultura, le questioni sociali e ambientali dei popoli che si affacciano sul Mediterraneo. Crediamo infatti che dalla diretta conoscenza delle esperienze, raccontate dai protagonisti, possa nascere una migliore comprensione tra gente che ha in comune non solo un'area geografica, ma anche un modo di vivere, delle tradizioni, una passionalita', che va oltre i singoli avvenimenti storici. Al Medef, per parlare di comuni esperienze culturali, interverranno il prof. Taha Mattar, addetto culturale dell'Ambasciata egiziana in Italia; la preside dell'Ecole Nazionale d'Architecture et d'Urbanisme de Tunis, professoressa Najet Elhedhly Boubaker, che parlera' del progetto che coinvolge anche l'Universita' Mediterranea di Reggio Calabria, per il recupero delle citta' delle oasi; la scrittrice italomarocchina Roberta Yasmine Catalano, esperta della storia dei rapporti fra Italia e Marocco, su cui ha scritto un libro, Schegge di memoria-Gli italiani in Marocco, che dal Medioevo fino ai giorni nostri, ripercorre la fitta trama di rapporti tra i due paesi mediterranei; l'attore-scrittore Antonio Cotroneo, protagonista del film dell'austriaco Peter Schreiner Toto', storia di un italiano del sud emigrato a Vienna che, dopo molti anni, ritorna al suo paese d'origine in Calabria. Il film e' stato presentato quest'anno al Festival del cinema di Venezia, ha preso molti premi in Austria e menzioni speciali ed e' presentato in esclusiva per il Medef''. ''Sara' al MEDEF - riferisce ancora il comunicato - anche la giornalista tedesca della ZDF, Claudia Muetzelfeldt, che presentera' il suo corto sull'opera di Emilio Vedova a Berlino, anche lui un migrante mediterraneo sui generis. Interverranno anche registi e produttori egiziani e tunisini. Il festival si articolera' in due giornate di tavole rotonde e proiezioni cinematografiche e chiudera' il 31 gennaio con la consegna del Premio Gino Votano. Il titolo della prima giornata e' 'La circolazione della cultura e dell'informazione tra le rive del Mediterraneo' e alla tavola rotonda seguiranno proiezioni di cortometraggi e documentari. Alla seconda giornata, con la tavola rotonda sul tema 'L'emigrazione fra le sponde del Mediterraneo', interverranno anche esponenti del mondo del terzo settore, del sociale e figure come don De Masi, che e' anche coordinatore di Libera per l'emigrazione''.

 

 

unistrada.it

21/Gennaio/2010 ore 13.50:
In occasione del MEDEF - Mediterranean Experiences Festival (Premio giornalistico Gino Votano 2009), si terrà un Corso di Giornalismo. Per la preparazione e l'organizzazione dell'evento gli studenti interessati potranno frequentare il corso gratuitamente dal 25/01/10 al 28/01/10 dalle ore 16.00 alle ore 18.00. La sede del Corso è a Reggio Calabria in Via Sbarre Centrali n.38. Per ulteriori informazioni rivolgersi a Danila Bellino Tel. 3395244045.

 

Vacanze Blog

 

Mediterranean Experiences Festival in Calabria

Tags: eventi calabria, manifestazioni Reggio Calabria, Mediterranean Experiences Festival

Il Mediterranean Experiences Festival sarà a Reggio Calabria dal 29 al 31 gennaio prossimi.

La manifestazione unisce la tradizione dei valori mediterranei alle nuove ricerche sensoriali, per indagare ed approfondire nuove strutture formali e nuove visioni estetiche e storiche.

Film, mostre d’arte, concerti di musica gitana, convegni, prove di gusto, laboratori per professionisti, studenti e cittadini, un insieme di esperienze tattili, gustative, visive e sonore che uniscono 15 paesi rappresentati da 25 artisti.

Da Lisbona a Barcellona, da Gand a Berlino, da Parigi a Cork, il Festival delle esperienze del Mediterraneo sbarca in Italia e sceglie la Calabria.

 

mostre-eventi.it

  1. CINEMA: AL VIA A REGGIO CALABRIA MED EXPERIENCES FESTIVAL - ANSAmed

Categoria: Mostre ed eventi/Mostre in Calabria

ANSAmedCINEMA: AL VIA A REGGIO CALABRIA MED EXPERIENCES FESTIVALANSAmed... Festival (Medef) di Reggio Calabria che da domani e fino a domenica prossima, proporra' ai visitatori non soltanto film, ma ...

Giovedì 28 Gennaio 2010

 

echtzeitfilm.at

TOTÓ / Austria 2007-2009 / 35 mm / black and white / 1:1,85 / Dolby Digital / original version Ger. - It. with English or Italian subtitles / running time: 128 min. (25f/s) / cast: Antonio Cotroneo, Angela Simonelli, Gaetano Dimarzo, Melo De Benedetto and many others / collaboration: Maria Schreiner / concept, realisation, camera, editing: Peter Schreiner / production: echt.zeit.film / supported by: Bundesministerium für Unterricht, Kunst und Kultur, Wien-Kultur / world distribution: sixpackfilm

screenings: Venice Film Festival '09, Italy / International Film Festival Viennale '09, Austria / Duisburger Filmwoche '09, Germany / International Filmfestival Rotterdam'10, The Netherlands / Mostra de cinema de expressão alemã, Lisboa '10, Portugal / Mediterranean Experience Festival, Reggio/Calabria '10, Italy / International Documentary Filmfestival ZagrebDOX '10, Croatia / Bradford International Filmfestival '10, Great Britain / Diagonale '10, Graz, Austria / Jeonju International Filmfestival '10, South Korea

 

ADNKRONOS.IT

A REGGIO CALABRIA MEDITERRANEAN EXPERIENCE FESTIVAL Reggio Calabria - Il Mediterranean Experiences Festival nasce da lunghi tour in giro per i festival d'Europa : da Lisbona a Cork, da Gand a Berlino, da Parigi a Lisbona, a Barcellona e coniuga i valori mediterranei alla luce di nuove ricerche sensoriali, esperienze tattili, gustative, visive, sonore da condividere per indagare e approfondire nuove strutture formali e nuove visioni estetiche e storiche. Il Festival che si terrà a Reggio Calabria, per tre giorni, dal 29 al 31 gennaio, è la normale contiguità del premio ‘Gino Votano’, giunto alla settima edizione, propone una rassegna con 27 film in concorso e 8 fuori concorso, una mostra d'arte, 6 concerti di musica gitana, un progetto di recupero architettonico, tre convegni, cinque prove di gusto, 6 laboratori diretti a studenti, autori, tecnici e appassionati, ma anche a normali cittadini. In tutto 25 artisti in rappresentanza di 15 paesi.  Tra i film e gli autori selezionati ci sono tra l'altro autori e film vincitori a : Cannes, Sundance Film Festival, Cesar, Toronto International Film, European Film Academy, Biennale del Cinema di Venezia, Milano Film Festival, candidati all'Oscar o presenti nelle selezioni ufficiali dei più prestigiosi festival internazionali : la Viennale, il Festival di Locarno, la Berlinale.
 

reggiocalabria.paginecitta.it

A REGGIO CALABRIA MEDITERRANEAN EXPERIENCE FESTIVAL

Reggio Calabria - Il Mediterranean Experiences Festival nasce da lunghi tour in giro per i festival d'Europa : da Lisbona a Cork, da Gand a Berlino, da Parigi a Lisbona, a Barcellona e coniuga i valori mediterranei alla luce di nuove ricerche sensoriali, esperienze tattili, gustative, visive, sonore da condividere per indagare e approfondire nuove strutture formali e nuove visioni estetiche e storiche.

Il Festival che si terrà a Reggio Calabria, per tre giorni, dal 29 al 31 gennaio, è la normale contiguità del premio ‘Gino Votano’, giunto alla settima edizione, propone una rassegna con 27 film in concorso e 8 fuori concorso, una mostra d'arte, 6 concerti di musica gitana, un progetto di recupero architettonico, tre convegni, cinque prove di gusto, 6 laboratori diretti a studenti, autori, tecnici e appassionati, ma anche a normali cittadini. In tutto 25 artisti in rappresentanza di 15 paesi.

Tra i film e gli autori selezionati ci sono tra l'altro autori e film vincitori a : Cannes, Sundance Film Festival, Cesar, Toronto International Film, European Film Academy, Biennale del Cinema di Venezia, Milano Film Festival, candidati all'Oscar o presenti nelle selezioni ufficiali dei più prestigiosi festival internazionali : la Viennale, il Festival di Locarno, la Berlinale.

 

 

 

21/Gennaio/2010 ore 13.50:
In occasione del MEDEF - Mediterranean Experiences Festival (Premio giornalistico Gino Votano 2009), si terrà un Corso di Giornalismo. Per la preparazione e l'organizzazione dell'evento gli studenti interessati potranno frequentare il corso gratuitamente dal 25/01/10 al 28/01/10 dalle ore 16.00 alle ore 18.00. La sede del Corso è a Reggio Calabria in Via Sbarre Centrali n.38. Per ulteriori informazioni rivolgersi a Danila Bellino Tel. 3395244045.

:: Passaporto per l'Europa ::

...associazione senza fine di lucro, un insieme di amici.

MEDITERRANEAN EXPERIENCES FESTIVAL VII PREMIO GIORNALISTICO INTERNAZIONALE GINO VOTANO 2009
Di Admin (del 20/01/2010 @ 10:47:07, in Reggio Calabria, linkato 23 volte)

MEDITERRANEAN EXPERIENCES FESTIVAL VII PREMIO GIORNALISTICO INTERNAZIONALE GINO VOTANO 2009
L’associazione culturale Teatro del Mediterraneo onlus organizza per il settimo anno consecutivo il premio giornalistico “Gino Votano”, legato al MEDEF (Mediterranean Experiences Festival). La manifestazione si propone di far conoscere la storia, la cultura, questioni sociali e ambientali, dei paesi che si trovano nell’area mediterranea, e si terrà nei giorni del 29, 30 e 31 gennaio 2010, nella splendida cornice della città di Reggio Calabria.
Il Premio giornalistico Gino Votano, in questi anni ha ottenuto il patrocinio del Ministero della Pubblica Istruzione, poiché è legato a un corso di giornalismo on line rivolto agli alunni delle scuole secondarie superiori calabresi. Altri patrocini sono inoltre, quelli della Provincia di Reggio Calabria, del Comune di Reggio Calabria, dell’Ordine dei giornalisti Calabria, e della Federazione nazionale stampa italiana Calabria. Negli anni, sono stati premiati alcuni fra i più famosi giornalisti televisivi italiani, tecnici, registi e direttori della fotografia.
Per gli ospiti stranieri è prevista l’ospitalità gratuita con alloggio presso una struttura alberghiera cittadina e pasti presso ristoranti convenzionati col festival.
 

"ARTeS"

ARTeS Reggio Calabria: Mediterranean Experiences Festival

www.medef.it

L’associazione culturale Teatro del Mediterraneo onlus organizza per il settimo anno consecutivo il premio giornalistico “Gino Votano”, legato al MEDEF (Mediterranean Experiences Festival). La manifestazione ..

Mer alle 1.27

Associazione Passaporto per l'Europa

 

MEDITERRANEAN EXPERIENCES FESTIVAL VII PREMIO GIORNALISTICO INTERNAZIONALE GINO VOTANO 2009
L’associazione culturale Teatro del Mediterraneo onlus organizza per il settimo anno consecutivo il premio giornalistico “Gino Votano”, legato al MEDEF (Mediterranean Experiences Festival). La manifestazione si propone di far conoscere la storia, la cultura, questioni sociali e ambientali, dei paesi che si trovano nell’area mediterranea, e si terrà nei giorni del 29, 30 e 31 gennaio 2010, nella splendida cornice della città di Reggio Calabria.
Il Premio giornalistico Gino Votano, in questi anni ha ottenuto il patrocinio del Ministero della Pubblica Istruzione, poiché è legato a un corso di giornalismo on line rivolto agli alunni delle scuole secondarie superiori calabresi. Altri patrocini sono inoltre, quelli della Provincia di Reggio Calabria, del Comune di Reggio Calabria, dell’Ordine dei giornalisti Calabria, e della Federazione nazionale stampa italiana Calabria. Negli anni, sono stati premiati alcuni fra i più famosi giornalisti televisivi italiani, tecnici, registi e direttori della fotografia.
Per gli ospiti stranieri è prevista l’ospitalità gratuita con alloggio presso una struttura alberghiera cittadina e pasti presso ristoranti convenzionati col festival.

 

telegiornaledicalabria.it

Reggio Calabria, dal 29 il Mediterranean Experiences Festival

REGGIO CALABRIA. Film, una mostra d’arte, concerti, tre convegni: dal 29 al 31 gennaio, Reggio Calabria ospiterà il Mediterranean Experiences Festival. Il Festival nasce da lunghi tour in giro per i festival d’Europa: da Lisbona a Cork, da Gand a Berlino, da Parigi a Lisbona, a Barcellona e coniuga i valori mediterranei alla luce di nuove ricerche sensoriali, esperienze tattili, gustative, visive, sonore da condividere per indagare e approfondire nuove strutture formali e nuove visioni estetiche e storiche. Il Mediterranean Experiences Festival, è scritto in una nota, rappresenta la “normale contiguità del premio “Gino Votano”, giunto alla settima edizione”, e propone una rassegna con 27 film in concorso e 8 fuori concorso; una mostra d’arte, sei concerti di musica gitana; un progetto di recupero architettonico; tre convegni; cinque prove di gusto; sei laboratori diretti a studenti, autori, tecnici e appassionati, ma anche a normali cittadini. In tutto 25 artisti in rappresentanza di 15 paesi. Tra i film e gli autori selezionati ci sono, tra l’altro, autori e film vincitori a Cannes, al Sundance Film Festival, a Cesar, al Toronto International Film, all’European Film Academy, alla Biennale del Cinema di Venezia, a Milano Film Festival, candidati all’Oscar o presenti nelle selezioni ufficiali dei più prestigiosi festival internazionali quali la Viennale, il Festival di Locarno, la Berlinale.

 

IL GIORNALE DI CALABRIA

10 IN CALABRIA mercoledì 20 gennaio 2010

REGGIO CALABRIA,

Dal 29 "Mediterranean

Experiences Festival"

REGGIO CALABRIA. Film, una mostra d’arte, concerti, tre convegni: dal 29 al 31 gennaio, Reggio Calabria ospiterà il Mediterranean Experiences Festival. Il Festival nasce da lunghi tour in giro per i festival d’Europa: da Lisbona a Cork, da Gand a Berlino, da Parigi a Lisbona, a Barcellona e coniuga i valori mediterranei alla luce di nuove ricerche sensoriali, esperienze tattili, gustative, visive, sonore da condividere per indagare e approfondire nuove strutture formali e nuove visioni estetiche e storiche. Il Mediterranean Experiences Festival, è scritto in una nota, rappresenta la “normale contiguità del premio “Gino Votano”, giunto alla settima edizione”, e propone una rassegna con 27 film in concorso e 8 fuori concorso; una mostra d’arte, sei concerti di musica gitana; un progetto di recupero architettonico; tre convegni; cinque prove di gusto; sei laboratori diretti a studenti, autori, tecnici e appassionati, ma anche a normali cittadini. In tutto 25 artisti in rappresentanza di 15 paesi. Tra i film e gli autori selezionati ci sono, tra l’altro, autori e film vincitori a Cannes, al Sundance Film Festival, a Cesar, al Toronto International Film, all’European Film Academy, alla Biennale del Cinema di Venezia, a Milano Film Festival, candidati all’Oscar o presenti nelle selezioni ufficiali dei più prestigiosi festival internazionali quali la Viennale, il Festival di Locarno, la Berlinale.

 

Ansa.it

MEDITERRANEO: A REGGIO EXPERIENCES FESTIVAL, CINEMA E MUSICA

   (ANSAmed) - REGGIO CALABRIA, 19 GEN - Film, una mostra d'arte, concerti, tre convegni: dal 29 al 31 gennaio, Reggio Calabria ospitera' il Mediterranean Experiences Festival.
   Il Festival nasce da lunghi tour in giro per i festival d'Europa: da Lisbona a Cork, da Gand a Berlino, da Parigi a Lisbona, a Barcellona e coniuga i valori mediterranei alla luce di nuove ricerche sensoriali, esperienze tattili, gustative, visive, sonore da condividere per indagare e approfondire nuove strutture formali e nuove visioni estetiche e storiche.
   Il Mediterranean Experiences Festival, e' scritto in una nota, rappresenta la "normale contiguita' del premio 'Gino Votano', giunto alla settima edizione", e propone una rassegna con 27 film in concorso e 8 fuori concorso; una mostra d'arte, sei concerti di musica gitana; un progetto di recupero architettonico; tre convegni; cinque prove di gusto; sei laboratori diretti a studenti, autori, tecnici e appassionati, ma anche a normali cittadini. In tutto 25 artisti in rappresentanza di 15 paesi.
   Tra i film e gli autori selezionati ci sono, tra l'altro, autori e film vincitori a Cannes, al Sundance Film Festival, a Cesar, al Toronto International Film, all'European Film Academy, alla Biennale del Cinema di Venezia, a Milano Film Festival, candidati all'Oscar o presenti nelle selezioni ufficiali dei piu' prestigiosi festival internazionali quali la Viennale, il Festival di Locarno, la Berlinale. (ANSAmed).

COM-SGH

19-GEN-10 13:12

 

ANSAmed

MEDITERRANEAN: FILM AND MUSIC AT REGGIO EXPERIENCES FESTIVAL

(ANSAmed) - REGGIO CALABRIA, JANUARY 19 - Film, an art exhibit, concerts, three conferences: from January 29-31, Reggio Calabria will host the Mediterranean Experiences Festival. The Festival was inspired by long tours to festivals around Europe: from Lisbon to Cork, from Ghent to Berlin, from Paris to Lisbon and Barcelona; joining Mediterranean values with new sensory research, tactile experiences, flavours, sights and sounds to share in order to study and analyse new structural forms, and aesthetic and historical visions 'The Mediterranean Experiences Festival', explained a statement, represents the "normal continuation of the 'Gino Votano' award, which is in its 7th year," and proposes an event with 27 competition films; an art exhibit, six Spanish Rom musical concerts, an archaeological recovery project; three conferences; five taste tests; six laboratories intended for students, authors, technicians and enthusiasts, as well as the general public, with twenty-five artists overall representing 15 countries. Among the films and writers chosen are writers and films that won in Cannes, the Sundance Film Festival, Cesar award winners, the Toronto International Film Festival, the European Film Academy, the Venice Film Festival, the Milan Film Festival, Oscar candidates or writers and films present in the official competitions of the most prestigious international festivals such as the Viennale, the Festival of Locarno, and the Berlinale. (ANSAmed).

2010-01-19 15:56

Prima Pagina

19/01/2010 15.56 - MEDITERRANEAN: FILM AND MUSIC AT REGGIO EXPERIENCES FESTIVAL

(ANSAmed) - REGGIO CALABRIA, JANUARY 19 - Film, an art exhibit, concerts, three conferences: from January 29-31, Reggio Calabria will host the Mediterranean Experiences Festival. The Festival was inspired by long tours to festivals around Europe: from Lisbon to Cork, from Ghent to Berlin, from Paris to Lisbon and Barcelona; joining Mediterranean values with new sensory research, tactile experiences, flavours, sights and sounds to share in order to study and analyse new structural forms, and aesthetic and historical visions 'The Mediterranean Experiences Festival', explained a statement, represents the ''normal continuation of the 'Gino Votano' award, which is in its 7th year,'' and proposes an event with 27 competition films; an art exhibit, six Spanish Rom musical concerts, an archaeological recovery project; three conferences; five taste tests; six laboratories intended for students, authors, technicians and enthusiasts, as well as the general public, with twenty-five artists overall representing 15 countries. Among the films and writers chosen are writers and films that won in Cannes, the Sundance Film Festival, Cesar award winners, the Toronto International Film Festival, the European Film Academy, the Venice Film Festival, the Milan Film Festival, Oscar candidates or writers and films present in the official competitions of the most prestigious international festivals such as the Viennale, the Festival of Locarno, and the Berlinale. (ANSAmed). Y30-GUE

 

arianna.libero.it/rnews/calabria

Primo piano

Reggio Calabria, dal 29 il Mediterranean Experiences Festival
giornaledicalabria.it - 2 ore fa
Il Festival nasce da lunghi tour in giro per i festival d'Europa: da Lisbona a Cork, da Gand a Berlino, da Parigi a Lisbona, a Barcellona e coniuga i valori mediterranei alla luce di nuove ricerche sensoriali, esperienze tattili, gustative, visive, sonore da condividere per indagare e ...
 

giornale di calabria.it

Reggio Calabria, dal 29 il Mediterranean Experiences Festival

19 gennaio 2010

REGGIO CALABRIA. Film, una mostra d’arte, concerti, tre convegni: dal 29 al 31 gennaio, Reggio Calabria ospiterà il Mediterranean Experiences Festival. Il Festival nasce da lunghi tour in giro per i festival d’Europa: da Lisbona a Cork, da Gand a Berlino, da Parigi a Lisbona, a Barcellona e coniuga i valori mediterranei alla luce di nuove ricerche sensoriali, esperienze tattili, gustative, visive, sonore da condividere per indagare e approfondire nuove strutture formali e nuove visioni estetiche e storiche. Il Mediterranean Experiences Festival, è scritto in una nota, rappresenta la “normale contiguità del premio “Gino Votano”, giunto alla settima edizione”, e propone una rassegna con 27 film in concorso e 8 fuori concorso; una mostra d’arte, sei concerti di musica gitana; un progetto di recupero architettonico; tre convegni; cinque prove di gusto; sei laboratori diretti a studenti, autori, tecnici e appassionati, ma anche a normali cittadini. In tutto 25 artisti in rappresentanza di 15 paesi. Tra i film e gli autori selezionati ci sono, tra l’altro, autori e film vincitori a Cannes, al Sundance Film Festival, a Cesar, al Toronto International Film, all’European Film Academy, alla Biennale del Cinema di Venezia, a Milano Film Festival, candidati all’Oscar o presenti nelle selezioni ufficiali dei più prestigiosi festival internazionali quali la Viennale, il Festival di Locarno, la Berlinale.

 

Telereggiocalabria.it

 

 

24-01-2010 - Mediterranean Experience Festival

Il MEDEF, Mediterranean Experience Festival, è in programma a Reggio Calabria dal 29 al 31 gennaio prossimi. "Il festival, organizzato dall'Associazione culturale Teatro del Mediterraneo - è detto in un comunicato - è legato alla settima edizione del premio giornalistico Gino Votano, che negli anni ha premiato giornalisti di livello nazionale come Tonino Pinto, critico cinematografico di Rai Uno, ed i giornalisti del TG1 Elisa Ansaldo ed Alessandro Gaeta". "Il MEDEF - prosegue la nota - si propone di aprire una finestra sulla storia, la cultura, le questioni sociali e ambientali dei popoli che si affacciano sul Mediterraneo. Crediamo infatti che dalla diretta conoscenza delle esperienze, raccontate dai protagonisti, possa nascere una migliore comprensione tra gente che ha in comune non solo un'area geografica, ma anche un modo di vivere, delle tradizioni, una passionalità, che va oltre i singoli avvenimenti storici. Al Medef, per parlare di comuni esperienze culturali, interverranno il prof. Taha Mattar, addetto culturale dell'Ambasciata egiziana in Italia; la preside dell'Ecole Nazionale d'Architecture et d'Urbanisme de Tunis, professoressa Najet Elhedhly Boubaker, che parlerà del progetto che coinvolge anche l'Università Mediterranea di Reggio Calabria, per il recupero delle città delle oasi; la scrittrice italomarocchina Roberta Yasmine Catalano, esperta della storia dei rapporti fra Italia e Marocco, su cui ha scritto un libro, Schegge di memoria-Gli italiani in Marocco, che dal Medioevo fino ai giorni nostri, ripercorre la fitta trama di rapporti tra i due paesi mediterranei; l'attore-scrittore Antonio Cotroneo, protagonista del film dell'austriaco Peter Schreiner Totò, storia di un italiano del sud emigrato a Vienna che, dopo molti anni, ritorna al suo paese d'origine in Calabria. Il film è stato presentato quest'anno al Festival del cinema di Venezia, ha preso molti premi in Austria e menzioni speciali ed è presentato in esclusiva per il Medef". "Sarà al MEDEF - riferisce ancora il comunicato - anche la giornalista tedesca della ZDF, Claudia Muetzelfeldt, che presenterà il suo corto sull'opera di Emilio Vedova a Berlino, anche lui un migrante mediterraneo sui generis. Interverranno anche registi e produttori egiziani e tunisini. Il festival si articolerà in due giornate di tavole rotonde e proiezioni cinematografiche e chiuderà il 31 gennaio con la consegna del Premio Gino Votano. Il titolo della prima giornata è 'La circolazione della cultura e dell'informazione tra le rive del Mediterraneò e alla tavola rotonda seguiranno proiezioni di cortometraggi e documentari. Alla seconda giornata, con la tavola rotonda sul tema 'L'emigrazione fra le sponde del Mediterraneò, interverranno anche esponenti del mondo del terzo settore, del sociale e figure come don De Masi, che è anche coordinatore di Libera per l'emigrazione".

 

reggionline.it

Il Mediterranean Experiences Festival, edizione 2010, si terrà a Reggio Calabria, per tre giorni, dal 29 al 31 gennaio 2010. ...

Questo festival vuole essere un percorso Percettivo che si snoda non solo nello Spazio, ma anche nel Tempo di Fruizione.

Le esperienze sono così singole e collettive insieme. Un Percorso che scopre colori, suoni, persone, culture, sapori, idee e popoli.

Il Mediterranean Experiences Festival nasce da lunghi tour in giro per i festival d’Europa : da Lisbona a Cork, da Gand a Berlino, da Parigi a Vienna, a Barcellona e coniuga i valori mediterranei alla luce di nuove ricerche sensoriali, esperienze tattili, gustative, visive, sonore da condividere per indagare e approfondire nuove strutture formali e nuove visioni estetiche e storiche.

Il Festival è la normale contiguità del premio “Gino Votano“, giunto alla settima edizione, propone una rassegna con 27 film in concorso e 8 fuori concorso, una mostra d’arte, 6 concerti di musica gitana, un progetto di recupero architettonico, tre convegni, cinque prove di gusto, 6 laboratori diretti a studenti, autori, tecnici e appassionati, ma anche a normali cittadini.

La Fruizione presenta momenti di alternanza dei ruoli che permette agli stessi Protagonisti del Festival (attori, giornalisti, registi, scrittori, musicisti, artisti e convegnisti) di effettuare un proprio percorso nelle vesti di pubblico e al tempo stesso il Pubblico diventa Attore con la propria umoralità, curiosità, percezione e interazione con gli Eventi che si succedono come fasi domestiche.

In tutto 25 artisti in rappresentanza di 15 paesi.

Tra i film e gli autori selezionati ci sono tra l’altro autori e film vincitori a : Cannes, Sundance Film Festival, Cesar, Toronto International Film, European Film Academy, Biennale del Cinema di Venezia, Milano Film Festival, candidati all’Oscar o presenti nelle selezioni ufficiali dei più prestigiosi festival internazionali : la Viennale, il Festival di Locarno, la Berlinale.

 

reggionline.it

Il MEDEF, Mediterranean Experience Festival, è in programma a Reggio Calabria dal 29 al 31 gennaio prossimi. ... "Il festival, organizzato dall'Associazione culturale Teatro del Mediterraneo - è detto in un comunicato - è legato alla settima edizione del premio giornalistico Gino Votano, che negli anni ha premiato giornalisti di livello nazionale come Tonino Pinto, critico cinematografico di Rai Uno, ed i giornalisti del TG1 Elisa Ansaldo ed Alessandro Gaeta". "Il MEDEF - prosegue la nota - si propone di aprire una finestra sulla storia, la cultura, le questioni sociali e ambientali dei popoli che si affacciano sul Mediterraneo. Crediamo infatti che dalla diretta conoscenza delle esperienze, raccontate dai protagonisti, possa nascere una migliore comprensione tra gente che ha in comune non solo un'area geografica, ma anche un modo di vivere, delle tradizioni, una passionalità, che va oltre i singoli avvenimenti storici. Al Medef, per parlare di comuni esperienze culturali, interverranno il prof. Taha Mattar, addetto culturale dell'Ambasciata egiziana in Italia; la preside dell'Ecole Nazionale d'Architecture et d'Urbanisme de Tunis, professoressa Najet Elhedhly Boubaker, che parlerà del progetto che coinvolge anche l'Università Mediterranea di Reggio Calabria, per il recupero delle città delle oasi; la scrittrice italomarocchina Roberta Yasmine Catalano, esperta della storia dei rapporti fra Italia e Marocco, su cui ha scritto un libro, Schegge di memoria-Gli italiani in Marocco, che dal Medioevo fino ai giorni nostri, ripercorre la fitta trama di rapporti tra i due paesi mediterranei; l'attore-scrittore Antonio Cotroneo, protagonista del film dell'austriaco Peter Schreiner Totò, storia di un italiano del sud emigrato a Vienna che, dopo molti anni, ritorna al suo paese d'origine in Calabria. Il film è stato presentato quest'anno al Festival del cinema di Venezia, ha preso molti premi in Austria e menzioni speciali ed è presentato in esclusiva per il Medef". "Sarà al MEDEF - riferisce ancora il comunicato - anche la giornalista tedesca della ZDF, Claudia Muetzelfeldt, che presenterà il suo corto sull'opera di Emilio Vedova a Berlino, anche lui un migrante mediterraneo sui generis. Interverranno anche registi e produttori egiziani e tunisini. Il festival si articolerà in due giornate di tavole rotonde e proiezioni cinematografiche e chiuderà il 31 gennaio con la consegna del Premio Gino Votano. Il titolo della prima giornata è 'La circolazione della cultura e dell'informazione tra le rive del Mediterraneò e alla tavola rotonda seguiranno proiezioni di cortometraggi e documentari. Alla seconda giornata, con la tavola rotonda sul tema 'L'emigrazione fra le sponde del Mediterraneò, interverranno anche esponenti del mondo del terzo settore, del sociale e figure come don De Masi, che è anche coordinatore di Libera per l'emigrazione".

 

esterni.org

Milano Film Festival a MEDEF
Reggio Calabria, 29-31 gennaio
Storia, cultura, questioni sociali e ambientali dei paesi dell'area mediterranea: il Medef - Mediterranean Experiences Festival ha un programma di tre giornate con proiezioni, tavole rotonde, laboratori, concerti. Il Milano Film Festival presenta alcuni film a tema delle passate edizioni di Colpe di Stato, Soundoc, e del concorso cortometraggi. Tutto il programma su www.medef.it

 

Oltrelinea.net

Medef - Mediterranean Experiences Festival

Reggio Calabria

Inizio: 29/01/2010 10:00 - Fine: 31/01/2010 22:00

L’associazione culturale Teatro del Mediterraneo onlus organizza per il settimo anno consecutivo il premio giornalistico “Gino Votano”, legato al MEDEF (Mediterranean Experiences Festival). La manifestazione si propone di far conoscere la storia, la cultura, questioni sociali e ambientali, dei paesi che si trovano nell’area mediterranea, e si terrà nei giorni del 29, 30 e 31 gennaio 2010, nella splendida cornice della città di Reggio Calabria.

 http://www.medef.it/

 

 

Tropeamagazine.it

'Totò' sbarca in Calabria
al Mediterranean Experiences Festival


(S. Libertino) Peter Schreiner e Antonio Cotroneo con il film 'Totò' tra qualche settimana sbarcheranno in italia nella Regione in cui si ambienta la storia autobiografica del lungometraggio sull'emigrazione che sta avendo molta fortuna in Europa a cominciare dalla partecipazione al recente Film Festival di Venezia.
L'occasione si presenta all'inizio del nuovo anno attraverso un invito/partecipazione al Mediterranean Experiences Festival che si svolgerà a Reggio Calabria dal 29 al 31 gennaio 2010. L'oramai collaudato Festival, giunto alla VII edizione, è patrocinato dal Ministero della Pubblica Istruzione, Regione Calabria, Provincia di Reggio Calabria, Federazione Nazionale della Stampa, Ordine dei Giornalisti della Calabria e si avvale della collaborazione del Comune di Reggio Calabria, Associazione culturale Calcidese, Associazione culturale Erietinet, Associazione culturale Tre Farfalli, Milano Film Festival, Fondazione Farefuturo.
Il MEDEF è organizzato dall'Associazione Culturale Teatro del Mediterraneo Onlus per il settimo anno consecutivo ed è legato al premio giornalistico internazionale “Gino Votano”. La manifestazione si propone di far conoscere la storia, la cultura, questioni sociali e ambientali, dei paesi che si trovano nell’area mediterranea, e si terrà nei giorni del 29, 30 e 31 gennaio 2010, nella splendida cornice della Città dello Stretto.
Il Premio giornalistico Gino Votano, in questi anni ha ottenuto il patrocinio del Ministero della Pubblica Istruzione, poiché è legato a un corso di giornalismo on line rivolto agli alunni delle scuole secondarie superiori calabresi. Nelle varie edizioni, sono stati premiati alcuni fra i più famosi giornalisti televisivi italiani, tecnici, registi e direttori della fotografia.

 

Alltoursclub.it

2 febbraio 2010

 

 

Calabria ora

24 gennaio 2010

 

Calabria ora

25 gennaio 2010

 

Calabria ora

28 gennaio 2010

 

Calabria ora

28 gennaio 2010

Calabria ora

29 gennaio 2010

 Calabria ora

30 gennaio 2010

 

Calabria ora

31 gennaio 2010

 

Gazzetta del Sud

28 gennaio 2010

 

Il quotidiano della Calabria

29 gennaio 2010

 

Il quotidiano della Calabria

30 gennaio 2010

 

Il quotidiano della Calabria

30 gennaio 2010

 

Il quotidiano della Calabria

31 gennaio 2010